Come avviare una web agency

Avviare una Web Agency: cosa serve?

Con l’evoluzione del web sempre più persone si chiedono cosa serva per aprire e avviare una nuova web agency. A partire dalle procedure burocratiche volte all’apertura dell’attività, senza dimenticarsi delle strategie e tattiche di marketing in grado di aiutare enormemente a far progredire la web agency e per finire con la ricerca di lavoro: serve molto impegno, costanza e determinazione nel raggiungere gli obiettivi prefissati. Se costruita bene, la web agency è in grado di assicurare al proprio titolare la quai completa indipendenza economica. Per farlo, però, bisognerà collaborare con dei professionisti di alto livello, in modo da costruire una web agency di altrettanto alto livello. Questo aiuterà la web agency a essere competitiva sul territorio e non la abbandonerà alle prime difficoltà. Il tutto, senza alcun ombra di dubbio, si tradurrà in profitti per l’attività stessa e per il suo titolare. All’inizio, quindi, bisognerà investire nell’attività per poter vivere senza pensieri in futuro.

 

Aprire la Web Agency: burocrazia

Prima di tutto bisogna aprire la partità IVA per la web agency. Si tratta, difatti, di un passaggio burocratico senza cui l’attività non potrà essere iscritta alla camera di commercio. Da questo ne deriverebbe la sua irregolarità e l’impossibilità della segnalazione di inizio attività. Inoltre bisogna eseguire l’aperture della posizione previdenziale presso l’INPS e della posizione presso l’INAIL per confermare l’apertura dell’esercizio. Se non si è in grado di svolgere autonomamente tutti questi passaggi, si consiglia di rivolgersi al proprio commercialista di fiducia che saprà sicuramente svolgere il tutto nella maniera giusta. Certo, i servizi del commercialista saranno cari (l’oneri delle procedure burocratiche sono tanti e difficili), ma ne vale la pena. Una volta che le strutture sopra indicate svolgeranno tutti i controlli, l’attività sarà de jure avviata. Non resterà che avviarla anche de facto.

 

Passo 1 – Promuovere l’attività

Da un punto di vista strategico, è possibile pensare alla promozione della web agency sin da subito. Si tratta, difatti, dell’azione più complessa da svolgere al fine di ottenere i nuovi clienti e quindi nuovi guadagni. In questo non vi aiuterà alcun commercialista, ma se proprio non sapete come fare potete prendere in considerazione l’idea di assumere un consulente aziendale o un adetto alla pubblicità e alla promozione. Le persone che hanno ottenuto successo nel campo consigliano di rivolgersi unicamente agli esperti del settore, perché una persona sola rischia sicuramente di sbagliare compromettendo interamente l’andamento dell’azienda. Aiutandovi con delle figure professionali dedicati alla promozione dell’azienda, riuscirete sicuramente in grado di fare un bel passo in avanti. L’azienda partirà con una marcia in più! Cercate, però, di collaudare le vostre azioni insieme ai professionisti sopracitati: eseguire delle azioni discordanti vi frenerebbe sulla strada verso il successo.

 

Passo 2 – Il team dell’azienda

Non si è mai i grado di fare tutto da soli, specialmente se si tratta di un’attività come quella targata web agency. Qui come non mai servono vari professionisti, in grado di operare nei più svariati ambiti per garantire un risultato a 360°. Quindi vi converrebbe contattare un web developer competente, un web designer in grado di curare anche la grafica complessa, un SEO Specialist per aiutare i vostri clienti nel posizionamento dei siti, ma anche un consulente pubblicitario, un Web Analyst e così via. Si tratta, insomma, di una serie di scelte accurate che la persona deve fare. Non si deve sbagliare lo specialista per il ruolo scelto, né pagarlo troppo poco in quanto questo si tradurrebbe su delle scarse prestazioni di quest’ultimo. Molto meglio preparare un budget iniziale per questi professionisti, in grado di coprire ai primi tempi il loro lavoro. La quantità di professionisti di assumere è una scelta in tutto e per tutto arbitraria, in quanto dipende dal territorio che vorrebbe coprire la web agency, dalla variabilità di servizi, dalla velocità di svolgimento degli stessi e può varia a seconda degli obiettivi. Se la web agency vuole solo lavorare sulla programmazione dei siti si potranno prendere determinati tipi di professionisti. Se la scelta ricade sulla promozione online dei siti, la quantità di professionisti potrebbe essere ancora completamente diversa.

 

Passo 3 – Calibrare i costi

Oltre ai costi burocratici (un paio di migliaia di euro), ve ne sono molti altri che vanno tenuti in conto. Per esempio:

-le spese per la sede fisica dell’agenzia (affitto);

-i canoni di pagamento (luce, acqua, gas);

-tutto il necessario per svolgere le mansioni (hardware e software);

-gli investimenti promozionali (pubblicità Facebook, inserzioni, SEO);

-i corsi di formazione per lo staff (corso SEO, corso Analytics, corso AdWords e così via);

-le spese per gli stipendi dello staff.

Per non trovarsi completamente impreparati dinnanzi a tutti questi problemi si consiglia di affidarsi sempre a un business plan. Quest’ultimo può essere redatto sia dal titolare dell’attività, che dal personale specializzato in relazione agli obiettivi prefissati e ai probabili guadagni ricevuti i primi mesi. Tali soldi saranno detratti dalle tasse che bisognerà pagare e quindi saranno parzialmente recuperabili. Questo in teoria, perché nella pratica a tutte queste spese si aggiungono, appunto, le tasse. Seppur minorate per via di varie libertà fiscali che nell’ultimo periodo lo Stato Italiano ha introdotto. Ciononostante la pressione fiscale resta comunque molto alta, il che rende difficile aprire le attività in ultimo periodo.

 

Passo 4 – Trovare i clienti

Ora che è stato tutto compiuto e la’ttività è stata avviata bisogna trovare i clienti per renderla profittevole. In mancanza saranno soltanto delle spese vuote, che non porteranno alcun guadagno futuro. Per iniziare bisogna soddisfare a pieno e con gentilezza i primi clienti, facendo pubblicità per averne altri. Soddisfatti i vecchi clienti, questi tenderanno a ritornare all’azienda per dei lavori, il che significa un costante flusso di denaro. Per avere i clienti bisogna presentarsi bene, in modo che riescano a capire cosa rappresenti l’attività e cosa faccia. Serve chiarezza e lucidità, come in ogni altra cosa, per avere successo. In mancanza si rischia di creare incomprensioni di vario genere. I clienti devono accorgersi della competenza e dell’affidabilità della nuova azienda. Anche se l’azienda è appena nata, devono essere fideizzati per sentirsi sicuri. Il tutto ricordandosi che i clienti migliori sono quelli che provengono dalle raccomandazioni. Un cliente soddisfatto andrà a dire della propria soddisfazione a un altro cliente, anch’esso dovrà essere soddisfatto. Si crea, in questo modo, una vera e propria rete di clienti che nel corso di anni garantiranno all’azienda un netto guadagno. Inoltre comporteranno la creazione di un’immagine sicura e affidabile dell’attività. E svolgendo bene l’attività, nel corso degli anni il numero dei clienti aumenterà esponenzialmente! Questo significa che non avrete scampo dalle richieste! Creando una web agency si potrà essere contattati anche dalle web agency di altri territori. Difatti, non esiste alcuna competitività tra le web agency di territori diversi. Il che comporta una maggiore possibilità di guadagno e una convenienza che difficilmente si riesce ad avere in altri settori.